Poesia2018-05-22T13:56:01+00:00

La poesia è l’arte di far entrare il mare in un bicchiere.

(Italo Calvino)

RETAIL & POESIA

Nella poesia alberga la capacità di un uomo di scrivere la storia in una capocchia di spillo.

Questo motivo ci ha spinto a renderla protagonista di questa pagina, per farci raccontare i misteri più nascosti della mente umana e ispirare la nostra ricerca sul mondo delle relazioni nel lavoro.

Consapevolezza: l’importanza di dare valore al proprio ruolo

FIORIRE

Emily Dickinson

Sbocciare – è il Risultato – incontrare un Fiore
e casualmente dargli uno sguardo
potrà a mala pena far intuire
le Circostanze minime
che collaborano alla Brillante Faccenda
compiuta in modo così intricato
poi offerta come una Farfalla
al Mezzogiorno.
Riempire il Bocciolo – opporsi al Verme –
ottenere i propri diritti di Rugiada –
regolare il Calore – eludere il Vento –
fuggire l’Ape cacciatrice –
non deludere Madre Natura
che l’aspetta in quel Giorno.
Essere un Fiore, è profonda
Responsabilità.

Empowerment: sviluppare stima in se stessi

INVICTUS (1875)

William Ernest Henley

Dalla notte che mi avvolge
nera come la fossa dell’inferno
rendo grazia a qualunque dio ci sia
per la mia anima invincibile
la morsa feroce degli eventi
non m’ha tratto smorfia o grido
sferzata a sangue dalla sorte
non s’è piegata la mia testa
di là da questo luogo d’ira e di lacrime
si staglia solo l’orrore della fine
ma in faccia agli anni che minacciano
sono e sarò sempre
imperturbato
non importa quanto angusta sia la porta
quanto impietosa la sentenza
sono il padrone del mio destino
il capitano della mia anima

Cambiare per migliorare: i passi necessari per sviluppare valore

CAMBIARE:
AUTOBIOGRAFIA IN CINQUE BREVI CAPITOLI

Portia Nelson

1
Cammino per la strada
C’è una profonda buca nel marciapiede
Ci cado
Sono persa … sono impotente
Non è colpa mia
Ci vorrà un’eternità per trovare come uscirne
2
Cammino per la strada
C’è una profonda buca nel marciapiede
Fingo di non vederla
Ci ricado
Non riesco a credere di essere in quello stesso posto
Ma non è colpa mia
Ci vuole ancora molto tempo per uscirne
3
Cammino per la strada
C’è una profonda buca nel marciapiede
Vedo che c’è
Ci cado ancora … è un’abitudine
I miei occhi sono aperti
So dove sono
È colpa mia
Ne esco immediatamente
4
Cammino per la strada
C’è una profonda buca nel marciapiede
La aggiro
5
Cammino per un’altra strada

L’importanza di dare feedback positivi e il valore dei capi

‘E FIGLIE

Lello Florio

Mio padre m’ha ditto,
ca ‘o pate l’ha ditto,
ca ‘e figlie se vasano ‘nsuonno.
Adesso capisco
pecchè, si me vasa,
me pare ca me metto scuorno.
‘E figlie si dormeno,
nun ponno sapè
si ‘o pate po’ se ll’ha vasate.
Quann’ero guaglione,
i’ desideravo
‘sti gesti d’affetto ‘a papà.
Lui, condizionato
da’ e ditte d’o pate,
nun è riuscito a mmè fa’.
P’aspettà ca papà
me venev’a vasà,
quanti notte so’ stato scetato.
Po’ quanno veneva
fingevo ‘e durmì
e nun m’ò putevo abbraccià.
Tenevo paura
ca se mi scopriva,
po’ nun m’ò veneva cchiù a da’.
‘E figlie si dormeno.
Nun ponno sapè
si ‘o pate po’ se ll’ha vasa te.
Mio padre m’ha ditto
ca ‘o pate ll’ha ditto
ca ‘e figlie se vasano ‘nsuonno?
Però certi detti,
son detti sbagliati,
è inutile a ce girà attuorno.
I’ so’ stato figlio,
ma mò, songo pate,
‘sti ’ccose me songo mancate.
Pirciò, nun aspetto