Viviamo in un periodo in cui ogni mese nascono nuove tecnologie o nuove applicazioni per il loro utilizzo.
È importante restare al passo con i tempi, con i trend e le evoluzioni del settore e di come il consumatore acquista i nostri prodotti. Ma come possiamo farlo senza spendere patrimoni interi in Ricerca e Sviluppo e rischiare poi di non avere in mano nuovi prodotti adatti al mercato?
La seconda attività di supporto della digital value chain, dopo l’HR, è il settore Ricerca e Sviluppo (R&S) che porta valore all’impresa in maniera indiretta e può rappresentare vantaggio competitivo.
Sviluppo delle tecnologie: tutte quelle attività finalizzate al miglioramento del prodotto e dei processi. Queste attività vengono in genere identificate con il processo R&D (Research and Development). L’attività di R&S comprende due momenti distinti:

  • la ricerca, rivolta soprattutto all’ideazione e alla sperimentazione di nuovi prodotti o processi, e condotta in condizioni di laboratorio;
  • lo sviluppo, o ricerca applicata, in cui le invenzioni della ricerca assumono una dimensione economica e si trasformano in innovazioni.

Spremute Digitali, 5 aprile 2019

VAI ALL’ARTICOLO