Primi sei mesi a picco per ristorazione, abbigliamento e non food che, nel periodo, hanno registrato una flessione del 43 per cento. Nello specifico, secondo l’Osservatorio permanente sull’andamento dei consumi nei suddetti settori elaborato da Confimprese – Ey, l’abbigliamento è quello con le peggiori performance (-45%), seguito dalla ristorazione (-44,4%) e da altro non food (-31 per cento).
Considerando il solo mese di giugno, primo mese senza lockdown, si registra un -27% di vendite. A patire maggiormente, anche in questo caso, sono stati l’abbigliamento (-32%) e la ristorazione (-30%), mentre le altre merceologie non food hanno registrato una crescita (+15%) “grazie soprattutto ai beni durevoli che hanno beneficiato della consegna merci e di un recupero di decisioni di acquisto rimaste sospese durante il lockdown”, si legge nella nota. Nel periodo, l’e-commerce ha registrato una crescita del 54% che sale al 135% se si considera il trimestre aprile-giugno.
[tratto da PambiancoNews, 29 luglio 2020]

VAI ALL’ARTICOLO