I clienti internazionali motore del retail europeo

Oggi i retailer europei sono chiamati ad adattarsi alle nuove abitudini di consumo, online e offline, in primis alle esigenze degli shopper internazionali, che sono diverse da nazionalità a nazionalità, ma anche nelle diverse fasce d’età. “Gli shopper internazionali sono il motore degli acquisti. I dati che abbiamo – ha continuato O’Neill – inquadrano consumatori internazionali non sempre soddisfatti delle loro esperienze d’acquisto. Lo stock disponibile non corrisponde spesso alle loro aspettative oppure non si tiene adeguatamente conto delle loro preferenze nelle modalità di pagamento. I retailer europei devono prevenire questi problemi con attività di intelligence adeguate”.
A generare circa un terzo dello shopping tax free in Europa sono gli shopper cinesi. A questi si affianca “un forte ritorno degli americani”, dei russi e dei turisti da Middle East.
PanbiancoNews, 22 novembre 2018

VAI ALL’ARTICOLO
2018-12-01T08:30:38+00:00By |Retail News|0 Comments