Una crescita più lenta del mercato, il cambiamento delle abitudini di consumo delle nuove generazioni e l’incidenza sempre maggiore del canale e-commerce sulle vendite. Sono queste alcune ragioni che oggi spingono i brand a rivedere la portata della loro presenza in Cina o, addirittura, a fare retromarcia dall’Ex Celeste Impero.
PambiancoNews, 2 maggio 2019

VAI ALL’ARTICOLO